Make your own free website on Tripod.com

Cristiano e i bicchieri

 

Cari bambini, vi ho raccontato di quella volta che Cristiano si e’ ubriacato? Che tremendo quel bambino, ne combina proprio di tutti i colori e fa delle cose che non stanno ne’ in cielo ne’ in terra! Insomma, dovete sapere che la mamma di Cristiano aveva a cena delle persone importanti. Colleghi del papa’, il suo nuovo direttore, la moglie del direttore e clienti vari della ditta per cui il papa’ di Cristiano lavora. Era una cena molto impegnativa e la mamma di Cristiano aveva lavorato tre giorni con la sua donna a lustrare tutto, a far da mangiare, a preparare ogni cosa per il meglio. Alla fine avevano preparato una tavola che era una meraviglia: le posate d’argento luccicavano, i bicchieri scintillavano, i piatti erano bellissimi e splendenti, al centro della tavola c’era una bellissima composizione di fiori e dei candelabri d’argento spandevano una bellissima luce intorno. Cristiano, per l’occasione, era stato lustrato e strigliato a puntino. La mamma lo aveva lavato ben bene, gli aveva pettinato i capelli in un bel ciuffetto ordinato, gli avevano fatto mettere indosso dei calzoncini blu e una camicia bianca immacolata. Aveva perfino la cravattina a farfalla. Insomma, non pareva piu’ nemmeno lui! Prima della cena gli avevano fatto un sacco di raccomandazioni :"Stai dritto, stai composto, non parlare, rispondi solo se ti chiedono qualcosa, sii educato, sii gentile, non correre, non saltare, non urlare, non, non,non" insomma Cristiano aveva la testa cosi’ piena di "non" che ormai non osava neanche piu’ respirare per paura di fare qualcosa di sbagliato. Anche perche’ il papa’ gli aveva promesso che se fosse stato buono e non avesse combinato malanni nel corso della serata, gli avrebbe comprato quel calcetto che da tanto tempo desiderava. Bene, gli ospiti sono arrivati, la cena e’ cominciata e la serata e’ andata avanti nel migliore dei modi. Cristiano ha mangiato prima in cucina con la donna (e’ ancora troppo piccolo per stare in tavola coi grandi), ma prima della cena si e’ presentato agli ospiti e, una volta tanto, li ha salutati educatamente e si e’ comportato proprio bene. La moglie del direttore gli ha portato delle caramelle e quando la mamma gli ha detto:"Cristiano come si dice?" lui ha educatamente risposto "Grazie" e ,insomma, si e’ proprio comportato benissimo. Il suo papa’ e la sua mamma hanno tirato un sospiro di sollievo e si sono detti "Vuoi vedere che Cristiano comincia finalmente a maturare e a comportarsi da bravo bambino?" Alla sua mamma non pare vero. Bene, finita la cena, gli ospiti sono passati dalla stanza da pranzo al salotto per bere un liquore e chiacchierare e la donna ha cominciato a sparecchiare. Cristiano la segue silenziosamente, e’ sempre piu’ bravo perche’ pensa al calcetto che il papa’ gli ha promesso. Sparecchiando la donna carica su un grande vassoio tutti i bicchieri usati dagli invitati durante la cena e deposita il vassoio su un mobile in stanza da pranzo. Sta caricando la lavastoviglie, verra’ piu’ tardi a prendere i bicchieri che devono essere lavati a mano, perche’ sono di cristallo e in lavastoviglie si potrebbero rompere. Molti di questi bicchieri sono ancora mezzi pieni di vino bianco e rosso. Cristiano, intanto, ha sete. Va in cucina a chiede:"Tata mi prenderesti da bere? Tata mi dai dell’acqua?" Ma la donna e’ indaffarata a mettere i piatti nella lavastoviglie e gli risponde di prendersela da se’. Purtroppo la bottiglia dell’acqua e’ chiusa e per quanti sforzi faccia Cristiano non riesce ad aprirla. Allora ha un’idea: in stanza da pranzo ci sono tutti quei bicchieri mezzi pieni, perche’ non bere qualcosa da quelli? E cosi’ Cristiano si arrampica su una sedia, arriva fino al mobile e comincia a scolarsi a garganella tutti i bicchieri che gli capitano sotto mano. Comincia col vino bianco che e’ dolce e frizzante, finito quello passa al rosso che gli piace ancora di piu’. Che e’ che non e’, nel giro di dieci minuti Cristiano si e’ scolato i fondi di una ventina di bicchieri! Intanto la mamma viene a cercarlo per fargli salutare gli ospiti prima di metterlo a dormire. Cristiano ha gli occhi lucidi e le orecchie rosse rosse, ma la mamma, nella fretta, non si accorge di niente. Lo porta in salotto e gtli dice: "Cristiano, da bravo, dai la buonanotte ai signori che e’ ora di nanna". Cristiano guarda fisso la moglie del Direttore e poi, improvvisamente, le dice con una voce impastata da ubriaco: "Scignorrra hic! hic! Ma lo scia che lei e’ proprio una bella cicciona??? E poi non e’ una sciola , hic! di s-scignore c-ciccionnne ce ne sciono d-due ah!ah!hic!hic!" La mamma di Cristiano si sente male e balbetta: "Scusate, il bambino non sta bene, deve avere la febbre. VIENI CRISTIANO andiamo SUBITO a nanna!!!" Ma Cristiano si svincola e corre barcollando in mezzo agli ospiti. Arriva dal piu’ importante cliente della ditta per cui lavora il suo papa’, lo guarda fisso e gli dice: "Sc-ignore, ma lo sciai che tu hic! hai la faccia come un maiale? Hic! hic! Scissignnorrre, hai proprio la faccia come un maiale Ah! Ah! Hic!,hic!" Il papa’ di Cristiano, pallido come un cencio, lo afferra per la collottola e lo trascina via mentre Cristiano continua a urlare: "Ma papa’ lasssccciami! Coscia mi stai facendo!!! Volevo dire a quel scignore la’ che prima quando mangiava sciembrava tutto un pesce hic!hic! Bop!Bop!Bop". Insomma Cristiano e’ completamente ubriaco!!! La mattina dopo la sua mamma ha dovuto tenerlo a casa da scuola perche’ aveva un mal di testa feroce, il mal di pancia, la diarrea e non riusciva ad alzare la testa dal cuscino! Be’ per quella volta non gli hanno fatto il sedere blu, ma e’ stato malissimo per un giorno. Ma vi pare una cosa da fare bambini andare a scolare i bicchieri pieni di vino?
(Giovanna)

   precedente                                seguente